January 23, 2018

 

 

 

urne vuote elezioni

 

La Regione Emilia Romagna si è ritrovata ieri, alle consultazioni in anticipo per il brutto voto in condotta del Presidente Errani (Pd) che è stato condannato. E’ lampante il disgusto della gente nei confronti di questa politica! e si è manifestato con una massiccia astensione alle urne! Siamo di fronte a gente che non vuole più deputare che è sfiduciata nei partiti tutti, compreso il  presuntuoso Pd. Gli elettori del movimento 5 stelle, rispetto alle passate Regionali del 2010, sono gli unici ad essere aumentati nonostante tutto. Nel 2010 si presentarono al voto quasi il 70% degli aventi diritto. Oggi se ne presentano poco più del trenta. Allora il m5s raccolse il 6% piazzando 2 consiglieri. Oggi raccoglie il 13% con 5 consiglieri. Il Pd, che gonfio come una mongolfiera canta inni di lode alla vittoria, passa da 858mila voti ai circa 536mila di ieri. Di fatto perde!  Forza Italia è quasi scomparsa, come deve essere! E la Lega Nord  che lascia per strada quasi cinquantaseimila voti, passando da circa trecentomila a molto meno di duecentocinquanta mila… esulta!! Certo che in Emilia Romagna, in altri tempi (quando governo e sindacati andavano d’accordo) non avrebbe preso nemmeno un voto! Tutto questo per quelli che vivono all’interno del campo mediatico del Pd, che è si sul podio, ma ha perso. Ha perso voti, elettori e fiducia al contrario di chi non è sul podio ma ha vinto più voti e più fiducia. Chi sono gli astenuti? sono quelli che hanno deciso di lasciare un proprio diritto in un angolo, accelerando l’agonia della democrazia, e per ora purtroppo, sono loro i veri vincitori!

Gerardo De Martino, m5s Toscana

Ma chi si astiene ha deciso di varcare l’ultimo pezzo della propria rabbia verso la politica. L’astensionismo sembra dire: Non meritate nemmeno un briciolo della mia partecipazione. Non siete degni del mio diritto. Dicono: chi si astiene poi non si lamenti. Sbagliato. State attenti proprio ai lamenti e alle rivolte di chi oggi si astiene”  Gianluigi Paragone, scrittore e giornalista

 

www.gerardodemartino.com

 

 

 

No Comments

*