January 24, 2018

Non si fermano, a Firenze, gli abbattimenti indiscriminati degli alberi! Ripresi anche alle Cascine, dopo due anni di apparente quiescenza, i tagli dei centenari Platani

Gli Alberi sono in cima alla catena della Vita. Per ogni Grande Albero abbattuto è come se morissero dieci uomini nel pieno della loro vitalità

Abbattuti ferocemente altri TRE Platani alle Cascine. Ne restano ancora solo 31

Sono passati due anni dall’ultima volta che ne abbiamo visto abbattere uno, perfettamente stabile e rigoglioso, lungo il viale dell’Aereonautica alle Cascine di Firenze, nel prato del Quercione. Nel frattempo abbiamo interrogato il comune di Firenze e i servizi fitosanitari della regione Toscana. Tutto quello che hanno rilasciato è una lapidaria presunzione di cancro del Platano. A guardarli bene questi Platani non presentano sul tronco i segni della malattia, ma… lo avrebbero detto gli esperti, annotano dall’amministrazione.

E chi sono questi esperti? Noi, cittadini ignari, non lo sappiamo! Potrebbero avere curricula lunghi come professori di Harvard e fama internazionale promossa da una mirata pubblicizzazione pubblica dei propri lunghissimi curricula, potrebbero essere galline dalle uova d’oro o profeti della natura, autoritari salvatori dell’ambiente!

Auctoritas e non Gravitas

Ai cittadini non interessano gli esperti delle amministrazioni. Essi non hanno paura degli alberi e li difendono. Giustamente!

Disgraziatamente però, tanti amministratori, dall’alto di un’autoritaria ignoranza, impongono scelte di guerra al bene pubblico, dichiarandole necessarie!!

I Platani delle Cascine di Firenze sono sani fino a prova contraria 

La prova contraria non ci è data dal laconico parere di un sedicente esperto, ma dall’inequivocabile indagine di laboratorio eseguita su materiale fresco prelevato nella zona sub-corticale del Platano. Se si riscontra la presenza di Ceratocystis Fimbriata si tratta di cancro. Altrimenti no.

Tuttavia, prima del suo abbattimento, nelle scorse settimane, abbiamo fotografato uno di questi grandi Platani, secco, con tubicini conficcati nel tronco ad altezza di chioma… ve ne erano tre. In foto se ne vede bene uno. L’albero che due anni fa era verde, si presentava, alcuni mesi fa, capitozzato e secco.

Non ci sono supponenti presunzioni, quando si tratta di abbattere Alberi Centenari di cosi grande importanza storica e paesaggistica, collocati in un Parco Mediceo Protetto! L’unico della città fruibile liberamente!

A Firenze sono stati abbattuti migliaia di alberi, soprattutto magnifici Pini e secolari Platani, che ahinoi,  rendono bene la pubblicità del raggiro, grazie alla genetica tendenza di crescere, a volte, storti i primi, e alla pericolosa malattia di cui possono, a volte, ammalarsi i secondi.  Se poi ci si mettono le tempeste di acqua e vento che ne fanno cadere qualcuno, come è da sempre accaduto, gli inconsapevoli cittadini possono essere irretiti facilmente dalla propaganda del cosiddetto restyling, ovvero sostituzione preventiva delle alberature urbane.

Penso con triste ironia, a una frase che mi disse un caro amico medico: è come se un oculista, per prevenire la cecità, cavasse gli occhi!  Ecco, questo è il bestiale concetto di prevenzione dell’amministrazione fiorentina con i suoi esperti!

Li ripiantano? Certo! Eccoli…

Pino, sano e dritto, abbattuto in via Trento a Firenze il 2 dicembre scorso!

Intanto in città si susseguono Convegni ed Esposti in Procura a cui speriamo vivamente che i giudici diano il giusto seguito. I cittadini vogliono giustizia per gli alberi abbattuti e la definitiva cessazione delle prossime esecuzioni!

Sabato 2 dicembre 2017 Convegno Nazionale Pubblico a Firenze ”Abbattimento delle Alberate Storiche. Scelta eco-logica?” Relatori universitari di fama internazionale.  La sala era stracolma.

 

 

gerardodemartinomovimento5stelle.it 

 

CONVEGNO

 

 

 

 

Comments are closed.